Birra dai riflessi dorati e dal gusto autentico e delicato, va bevuta in un ampio bicchere per permettere agli aromi di schiudersi, portando chi la beve nell’immaginario dei cavalieri della tavola rotonda.

La storia: lo spirito cavalleresco di Lancillotto anima questa birra, prodotta secondo le antiche tecniche trappiste: alta fermentazione e produzione nel rispetto di criteri ben determinati.

Riconoscimenti: questa birra ha ottenuto un riconoscimento al Concorso Generale Agricolo per ben due volte, nel 2005 e nel 2007.

Bere ad una temperatura tra 6° e 10° – Gradazione: 6%vol.